mercoledì 25 febbraio 2015

Violando la moratoria, in corso Trieste compaiono tre cartelloni. I cittadini del quartiere chiedono spiegazioni

Siamo stati contattati da diversi abitanti del quartiere Trieste che ci hanno segnalato la comparsa prima di un cartellone e poi di tre diversi impianti nelle ultime ore.

Tra le diverse email arrivate, ringraziamo in particolare Lorenzo G. che ha inviato anche numerose fotografie, scattate subito dopo il montaggio dei cartelli.

L'impianto che vedete qui sotto è del tutto nuovo. Non va a sostituire un precedente cartellone e dunque sembra essere in violazione dell'ultima delibera comunale, la n. 380/2014 che prevedeva un espresso divieto di ricollocazioni e spostamenti.

Corso Trieste, altezza viale Gorizia

Il cemento ancora fresco in terra

La targhetta indica che appartiene alla ditta Nuovi Spazi
Come si può vedere dalla foto qui sotto, tratta da Google Street View, addossato a quell'edificio non vi era nessun cartellone. Sulla targhetta si parla di "accorpamento", ma nessun accorpamento è permesso dalla delibera 380/2014 che ha stabilito appunto la moratoria.



Poche ore dopo, ci arriva un'altra segnalazione di due nuovi cartelli, sempre in Corso Trieste e sempre appartenenti alla stessa ditta. Ecco le fotografie, scattate da Lorenzo G.


Corso Trieste, altezza via Ufente: addirittura sull'aiuola verde!
La targhetta con il codice 0066, Nuovi Spazi

E poco, più avanti, altezza via Alessandria, ecco l'ultimo apparso

Sempre nel povero spartitraffico centrale: cemento fresco


Speravamo di non dover più presentare segnalazioni di questo tipo. Invece ci sembra di aver fatto un salto indietro di 4 anni, quando ogni giorno dovevamo scrivere articoli su nuovi cartelloni spuntati qua e là.

Chiederemo formalmente al Campidoglio di accertare la legittimità di queste apparizioni e vi terremo informati.

FG

5 commenti:

  1. Ma qui è sempre più far west, nonostante sia stato approvato il PRIP. Che genere di "protezione" hanno le ditte che infischiandosene delle sanzioni continuano a piazzare impianti?
    Questo dei cartelloni è uno dei mattonino che creano Mafia Capitale.
    Basta!

    RispondiElimina
  2. QUESTA DITTA FURBETTA INSIEME ALLA PUBBLIROMA E AD UN'ALTRA (cartelli 3x2 con cornice verde e palo nero) HA ISTALLATO E STA ISTALLANDO IN GIRO PER ROMA A PROPRIO PIACIMENTO (per es. a VIA APPIA NUOVA e CIRCONVALLAZIONE CORNELIA) IN VIOLAZIONE DI OGNI REGOLAMENTO E DELIBERA E RITENENDOSI AL SOPRA DELLA MORATORIA LE PROPRIE SCHIFEZZE. OCCORRE SERIO APPROFONDIMENTO E TOCCCA RICORDARGLI CHE ANCHE LORO DEVONO RISPETTARE LA LEGGE!
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. domanda banale, perdonatemi: ma perché il nuovo regolamento non stabilisce multe stratosferiche per l'azienda che piazza il cartellone e SOPRATTUTTO per quelli che vengono pubblicizzati sul cartellone stesso? (penso a qualche decina di migliaia di euro a cartellone abusivo). Perché?!!

    RispondiElimina
  4. E bravi quelli della nuovi spazi, che si credono di essere i più furbi del bigoncio.
    Al punto in cui siamo l'amministrazione non può farla passare liscia a 'sti mentecatti residui, pena la messa in discussione della serietà dell'intero PRIP e procedure collegate.
    Ci aspettiamo tutti un intervento senza indugi per chiarire (si fa per dire, in realtà per rimuovere immediatamente) questi abusi.
    Scommettiamo che non dovremo attendere molto?

    RispondiElimina
  5. Legio Aurelia Invicta27 febbraio 2015 09:41

    I banditi della Nuovi Spazi ce li ricordiamo tutti e dovrebbero essere RADIATI visto che vogliono continuare a fare i criminaletti...chissà se gli eroi della Resistenza anticartellonara hanno voglia di farsi una passeggiata da quelle parti

    RispondiElimina