sabato 22 gennaio 2011

Un altro prima e dopo perdente

La prima foto è stata scattata la scorsa estate, ed è stata pubblicata lo scorso mese di ottobre in un post che parlava della situazione assurda della Pontina altezza Eur centro commerciale Roma2. Qualche giorno fa ci è arrivata un'altra foto scattata più o meno dalla stessa posizione. Ci è venuta subito la curiosità di confrontare un "prima e dopo ravvicinato". Fra le due foto passano infatti sei o sette mesi. Ai lettori evidenziare le differenze.
Francesco

14 commenti:

  1. L'unica differenza sono le erbacce cresciute..
    La Cristoforo Colombo è un film dell'orrore..se qualcuno avesse tempo da perdere sarebbe interessante conoscere il numero di cartelloni tra il Palalottomatica e la rotonda di Ostia..sono una quantità spropositata, una gragnuola di pugni in faccia a chi ama il verde della Pineta di Castelfusano (che ancora mostra le cicatrici del CRIMINALE incendio del 2000) e l'azzurro del mare.
    CARTELLONARI SIATE STRAMALEDETTI PER 7 GENERAZIONI E INSIEME A VOI CHI HA PERMESSO TALE SVENTRAMENTO VIOLENTO E RAPACE DEL TERRITORIO

    RispondiElimina
  2. Fitz sei un poeta...

    RispondiElimina
  3. Nella seconda foto, dietro il cartellone verde in primo piano, si vede che sull'altra careggiata sono spuntati 4 o 5 cartelloni nuovi. E' uno schifo senza fine.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. I cartelloni continuano a spuntare ogni notte in tutta Roma. Altro che 'ricollocazioni' come afferma il Comune e altro che Piano Regolatore delle Affissioni. Tutte balle! La realtà è che il territorio è in mano ai criminali senza alcun controllo. Pochi giorni fa a via Nomentana, angolo Batteria Nomentana, è stato installato un nuovo 4x3 in mezzo allo spartitraffico che farebbe vergognare chiunque!

    RispondiElimina
  6. PASSANO I MESI E GLI ANNI MA LE PERSONE DA RINGRAZIARE PER AVER DISTRUTTO IN MANIERA IRREPARABILE ROMA RESTANO SEMPRE BEN SALDE AI LORO POSTI DI COMANDO.

    AI LORO FIGLI L'ONERE DI VERGOGNARSI PER CIO' CHE I PADRI GLI HANNO LASCIATO IN EREDITA'.

    AI CARTELLONARI-CRIMINALI SINCERE, VEEMENTI E VIOLENTE MALEDIZIONI E L'AUGURIO CHE UN GIORNO POSSANO CAPIRE LA GRAVITA' DI QUELLO CHE HANNO FATTO.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  7. ...E CHE STANNO FACENDO TUTTORA!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  8. Prima di tutto, lasciamo stare i lutti, manco per scherzo.

    Secondo, ripropongo le foto di strade ad alto scorrimento all'estero, per fare il confronto con quelle romane.

    Los Angeles
    http://www.aaroads.com/california/images005/i-005_sb_exit_117_05.jpg

    http://www.aaroads.com/california/images005/i-005_sb_exit_118_01.jpg

    -
    New York City
    http://www.aaroads.com/northeast/new_york020/ny-027_wb_exit_003_03.jpg

    http://www.aaroads.com/northeast/new_york999/prospect_expwy_nb_exit_005_02.jpg

    -
    Parigi
    http://www2.napier.ac.uk/euramp/images/paris_march06_3.jpg

    http://parisbanlieue.blog.lemonde.fr/files/2010/04/charenton-a4-3.1271532336.jpg

    -

    NIENTE CARTELLONI!!!!

    RispondiElimina
  9. Mi dispiace per l'Anonimo del 23 gennaio 2011 13:13 ma ho dovuto eliminare il suo commento: augurare gravi lutti familiari oltrepassa il limite dell'offesa.

    RispondiElimina
  10. E intanto, la delibera? Le rimozioni? Il piano regolatore delle affissioni? Lo stop alle nuove installazioni? CARTA STRACCIA, a quanto pare, fino ad ora.

    ZERO: qui queste bande di criminali continuano a fare il loro SPORCO COMODO.E al Comune? IL DISINTERESSE TOTALE. Complicità?

    RispondiElimina
  11. A B B I A T E P A Z I E N Z A

    A N C O R A U N P O C H E T T I N O

    RispondiElimina
  12. UNPOCHETTINOQUANTOANCORA ?

    RispondiElimina
  13. E allora, cosa propone il Comitato contro questo schifo? Bordoni è rimasto al suo posto, dov'è il piano regolatore?

    E per fortuna è un prima-dopo rispetto a sei mesi fa, perchè se fosse stato rispetto a tre anni ci sarebbero venuti i capelli bianchi.

    RispondiElimina
  14. Il Comitato non ha mai avuto come suo obiettivo la sostituzione dell'assessore Bordoni, bensì si è speso sempre per far conoscere e approvare la delibera di iniziativa popolare presso le istituzioni comunali. Il piano regolatore è solo una parte della soluzione del problema: ci sono anche i piani di localizzazione e poi, forse, un bando per le concessioni o per le autorizzazioni. Comunque confidiamo in una sua rapida presentazione, valutazione e conseguente approvazione in commissione commercio e succesivamente in consiglio comunale. L'impegno del Comitato sarà sempre quello di stimolo verso la pubblica amministrazione per trovare soluzioni condivise che diano una svolta reale e duratura al problema.
    Francesco

    RispondiElimina